Miglior prestito per l’acquisto di mobili: spiegazione, esempi, tabelle, piano di rimborso

Indice dei contenuti

Al giorno d’oggi sono diverse le tipologie di prestiti che si possono richiedere a banche, finanziarie e ad altri istituti di credito. Tra questi tipi di prestiti troviamo ad esempio i prestiti per l’arredamento. Si tratta di una particolare tipologia di finanziamento che permette di ottenere la liquidità necessaria per coprire le spese di arredamento e di miglioramento della propria casa. In questo modo, si può agevolare l’impegno economico che viene richiesto per svolgere questo tipo di attività.

In buona sostanza, si tratta di prestiti che possono essere richiesti per ammodernare la propria casa oppure per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici che possono essere per noi utili, se non addirittura indispensabili.

Cosa sono i prestiti per l’acquisto di mobili e per l’arredamento?

I prestiti per l’arredamento della casa possono essere suddivisi in due tipologie differenti, ovvero i prestiti personali finalizzati e quelli non finalizzati. Se richiedi un prestito per l’arredamento di tipo finalizzato allora puoi fare domanda direttamente presso il punto vendita nel quale si desidera acquistare il mobile o il pezzo di arredamento. In questo caso infatti il rapporto di credito viene stipulato direttamente tra il venditore e l’ente e ci possono essere dei tassi di interesse abbastanza bassi e agevolati.

Al contrario, se scegli di optare per un prestito per l’arredamento non finalizzato è necessario rivolgersi di persona ad una banca o ad un istituto di credito che offre questo tipo di finanziamento. In alternativa, puoi rivolgerti anche verso alcune soluzioni di finanziamento on-line, ideali per arredare casa e per l’acquisto di mobili.

I prestiti per l’acquisto di mobili e per l’arredamento domestico sono sicuramente molto importanti. Sono utili soprattutto per quelle persone che hanno necessità di ammodernare la propria casa, ma che non dispongono della liquidità necessaria per far fronte a tutte queste spese. In questi casi infatti la migliore soluzione per la quale si può optare è quella di richiedere un finanziamento per l’acquisto di mobili. In questo modo, potrai quindi acquistare dei mobili anche particolarmente costosi, restituendo poi il denaro in delle comode rate mensili.

Prestiti per mobili: convengono davvero?

Non è semplice capire se un finanziamento per l’arredamento per l’acquisto di mobili può fare al caso nostro oppure no. Infatti, in questi casi molto dipende ad esempio dalle necessità ed alle esigenze di ognuno di noi. Si tratta certamente di una soluzione molto comoda e anche particolarmente popolare. Questa viene concessa quindi dalle banche e dagli istituti di credito per l’acquisto di mobili a tassi di interesse molto vantaggiosi e agevolati. Grazie all’uso di questi tipi di prestiti hai quindi la possibilità di acquistare subito i mobili e l’arredamento di cui hai necessità all’interno della tua abitazione.

Inoltre, puoi anche acquistare degli elettrodomestici e dei mobili che servono per la tua cucina anche con una certa urgenza oppure anche per il tuo salotto o per la tua camera da letto. Le modalità di rimborso di questi prestiti avvengono come quelle dei classici e tradizionali prestiti personali, ovvero con un rimborso che avviene a rate mensili.

Come si possono richiedere i prestiti per mobili?

I prestiti per l’acquisto di mobili non sono di una sola tipologia, ma possono essere di due tipologie differenti. Da una parte troviamo il prestito personale, mentre dall’altro troviamo invece il prestito di tipo finalizzato. Il prestito personale ti permette di ricevere direttamente sul tuo conto la somma di denaro che richiedi per l’acquisto di mobili o di altri pezzi di arredamento. Inoltre, potrai poi rimborsare il finanziamento che hai ricevuto rispettando la scadenza delle rate mensili previste dal contratto con il quale è stato stabilito il prestito personale. Nel caso del prestito finalizzato invece occorre recarsi direttamente presso il proprio rivenditore di mobili di fiducia.

Con questi tipi di prestiti spesso c’è una convenzione con una banca o con una finanziaria che stabilisce la possibilità di erogare questi tipi di prestiti per l’acquisto di mobili e per l’arredamento. In questo modo, rivolgendoti quindi direttamente a un rivenditore, hai la possibilità di attivare il prestito finalizzato che è vincolato però all’acquisto dei mobili e dei pezzi di arredamento che si trovano all’interno del rivenditore stesso.

L’importo del denaro quindi viene versato direttamente al venditore dalla finanziaria, mentre in questi casi chi ha richiesto il prestito deve far fronte al rimborso del prestito secondo quanto previsto dal contratto di prestito che è stato concordato.

Quanto si può richiedere?

Oggi hai la possibilità di richiedere un prestito personale anche per l’acquisto di più mobili diversi e non per una sola tipologia di mobile. Le somme che si possono ottenere da un prestito per l’acquisto di mobili possono variare spesso da una tipologia all’altra di prestito. Tuttavia, di solito le somme erogate si aggirano intorno ai 30.000 euro. Spesso si tratta di prestiti che vengono erogati abbastanza velocemente anche nell’arco di una sola settimana, anche se questo poi dipende dalla banca o dalla finanziaria alla quale ti rivolgi.

Le modalità di rimborso dei prestiti personali sono quelle tipiche di altre tipologie di prestiti personali. In sostanza, è previsto un rimborso a rate mensili. Il piano di rimborso della somma ricevuta in prestito spesso può variare da 20 fino anche a più di 100 mesi, in base al contratto stabilito.

Quali requisiti sono richiesti?

Il prestito per l’acquisto di mobili spesso non richiede dei requisiti specifici, ma occorre naturalmente disporre di un reddito regolare e dimostrabile. Inoltre, occorre dimostrare anche una buona affidabilità economica; ad esempio occorre non avere altri debiti o non avere altri prestiti in corso. Le banche nel momento in cui valutano la tua situazione economica valutano naturalmente il livello di reddito del richiedente del prestito. Inoltre, stabiliscono in questo modo anche l’eventuale rata di rimborso del prestito.

Tra i requisiti base imprescindibili per l’erogazione di un prestito per l’acquisto di mobili in particolare troviamo quello dell’età. Questa deve essere compresa tra i 18 e i 75 anni. Inoltre, occorre avere un reddito dimostrabile ed essere residente nel territorio italiano. Bisogna anche essere titolare di un conto corrente. Le banche valutano con molta attenzione la storia creditizia di chi chiede i prestiti personali, così come anche eventuali rimborsi avvenuti in ritardo di precedenti finanziamenti, oppure degli episodi di insolvenza da parte del richiedente principale.